General Motors: in arrivo il noleggio auto senza guidatore

Il settore dell’autonoleggio è uno i quelli in cui vi è una lotta maggiore per la progressione della tecnologia e per l’innovazione. Uno dei cambiamenti a cui si sta lavorando nell’ultimo periodo riguarda la possibilità di noleggiare auto a guida autonoma.

Sono tanti i protagonisti in campo che operano sul perfezionamento di auto in grado di guidarsi da sole, tra questi bisogna ricordare Uber, Ford e Google, quest’ultimo attraverso la divisione specifica Waymo.

Le tre società indicate sono tutte al lavoro da anni per offrire al cliente un’esperienza di noleggio unica, che possa soddisfare tutte le necessità del singolo individuo. La competizione sul noleggio a guida autonoma è molto serrata e sembra che un altro protagonista possa essere il vincitore. Si tratta di General Motors, dal momento che la società ha annunciato che lancerà nel 2019 il primo noleggio al mondo con auto che si guida da sola.

Un eventuale noleggio con auto a guida autonoma rivoluzionerebbe in modo radicale l’autonoleggio come lo conosciamo oggi. All’acquirente sarebbe sufficiente indicare il punto in cui desidera salire a bordo e la destinazione che vuole raggiungere, tutto il resto sarebbe gestito dall’auto, senza la necessità di un autista a bordo.

La General Motors ha già effettuato dei test per mettere alla prova l’auto a guida autonoma e per dare la dimostrazione che la tecnologia di guida senza autista può realmente essere efficace. L’annuncio del lancio del servizio di autonoleggio guida autonoma da parte della società General Motors è stato fatto dopo aver proposto un test su strada a San Francisco, test al quale sono stati invitati anche alcuni importanti giornalisti.

La vettura utilizzata per il test di guida senza autista è stata la Chevrolet Bolt, vettura che ha superato con successo il giro di prova. Dal testo è emerso che la guida autonoma è sicura ed affidabile, obiettivo principale della General Motors, nonostante abbia bisogno ancora di alcune piccole modifiche per essere perfetta nel reale traffico cittadino.

Tra gli appunti che si possono fare al test che è stato eseguito vi è il fatto che talvolta la vettura ha guidato in modo troppo lento rispetto alle classiche abitudini di guida di San Francisco, facendo sì che alcuni automobilisti si lamentassero. Nonostante questo non sono stati commessi dalla Chevrolet Bolt gravi errori con eventuale rischio per il passeggero.

La società al momento non ha reso note le città in cui il noleggio autonomo sarà inizialmente disponibile, si suppone che le prescelte saranno New York e San Francisco.

Commenta loggandoti con Facebook, Twitter o Google