Incidente con auto a noleggio: Cosa fare?

Quando si noleggia un’auto si spera sempre di non arrecare danni alla vettura, ma sfortunatamente si registrano anche incidenti commessi con la macchina noleggiata. La questione degli incidenti con auto noleggiata è delicata, soprattutto se l’evento accade all’estero con una conseguente complicazione della procedura generale.

Prima di mettersi al volante della propria macchina a noleggio, è consigliabile dunque essere informati su cosa fare nello sfortunato caso di incidente con macchina noleggiata.

Il primo aspetto da tenere presente quando si decide di noleggiare un’auto è quello dei termini contrattuali relativi alle penali da pagare in caso di incidente. Questi termini contrattuali non sono fissi, ma sono stabiliti dalla singola società di autonoleggio e possono essere anche contrattati dal cliente al momento della sottoscrizione del contratto.

Oltre alle clausole specifiche circa la copertura assicurativa in caso di incidente o di danno alla vettura, il contratto prevede anche la cosiddetta franchigia, ammontare che il cliente dovrà necessariamente pagare in caso di incidente e che non può essere inserito all’interno della copertura assicurativa.

Quello della franchigia è uno degli aspetti più importanti da valutare quando si noleggia una vettura ed anche in questo caso è possibile stabilire, al momento della firma del contratto, la cifra che ci si ritroverà a pagare nello sfortunato caso di incidente automobilistico.

La franchigia non è l’unica somma che il cliente potrebbe ritrovarsi a pagare: ogni copertura assicurativa, infatti, prevede un massimale, ovvero l’importo massimo che l’assicurazione si impegna a coprire. Nel caso in cui il danno arrecato ad oggetti fisici o a persone dovesse superare il massimale dell’assicurazione, il cliente dovrà pagare con i propri soldi la differenza registrata.

Annullare la franchigia con il DER

È possibile annullare la franchigia affidandosi ad uno specifico strumento assicurativo: stiamo parlando del DER, acronimo di Damage Access Refund, che consente di non dover pagare l’eventuale franchigia a patto di accettare una spesa extra che ammonta solitamente a cinque – sette euro al giorno.

Questo tipo di strumento assicurativo è talvolta presente di default nei contratti di autonoleggio, ma è utile prestare attenzione affinché sia effettivamente predisposto, nel caso in cui si desideri non dover pagare la franchigia a seguito di un incidente.

È doveroso sottolineare che la copertura della franchigia offerta da questo strumento assicurativo non si applica in tutte le situazioni: la copertura viene annullata, ad esempio, se il cliente causa danni ad oggetti o a persone per una guida in stato di ebrezza, per una guida pericolosa o dopo essersi messo al volante sotto l’effetto di stupefacenti.

Quali assicurazioni sono previste dal noleggio?

Prima di sottoscrivere un contratto di noleggio è utile capire quali sono le assicurazioni effettivamente previste da questo. Un primo strumento assicurativo è la copertura contro terzi, definita in gergo TPI. Questa consente di avere una copertura assicurativa per i danni a terze parti causati in caso di incidente. Si sottolinea però che questa copertura assicurativa è provvista di massimale ed è bene dunque informarsi su quale sia la cifra massima che l’assicurazione è disposta a coprire.

Nel caso in cui si desiderasse aumentare il massimale è possibile sottoscrivere una assicurazione aggiuntiva definita assicurazione contro i danni supplementari. Per la sottoscrizione di questa assicurazione ulteriore è necessario pagare un premio assicurativo maggiore.

L’altra assicurazione tradizionalmente inclusa nel contratto di autonoleggio è quella definita Kasko, la quale prevede una copertura assicurativa dei danni arrecati al veicolo in caso di incidente. Anche in questo caso è previsto un massimale ed il discorso è analogo a quello della copertura assicurativa precedente, ovvero vi è la possibilità di sottoscrivere l’assicurazione contro i danni supplementari per elevare il massimale.

Alcuni contratti prevedono di base anche la copertura assicurativa contro i furti. È bene controllare se questo strumento sia effettivamente presente o meno e nel caso di assenza decidere se aggiungerlo al contratto di base.

Cosa fare in caso di incidente?

Cerchiamo ora di capire quali sono le buone pratiche da seguire nel caso in cui si dovesse essere coinvolti in un incidente con l’auto noleggiata. Il consiglio principale è quello di trattare con attenzione tutti i documenti che vengono redatti a seguito del sinistro e di contattare prontamente la società di autonoleggio, fornendo ad essa la documentazione dettagliata e rendendosi disponibili per qualunque tipo di chiarimento.

Banner 728x90

Commenta loggandoti con Facebook, Twitter o Google